Emilia-Romagna in festa

Sagre, Fiere, Feste ed Eventi della regione Emilia-Romagna


| Altri
  

La germania e l'ue si impegnano a frenare la migrazione attraverso la rotta balcanica

Aumentano i migranti. chiudere la rotta dei balcani non ha mai funzionato



Pubblicato il 31/10/2022
Letture: 208
- Commenti: 0

Giovedì la Germania ha ospitato un incontro con i rappresentanti dell'Unione Europea e di diversi Paesi europei - compresi quelli dei Balcani occidentali - nel tentativo di frenare la migrazione attraverso la cosiddetta rotta balcanica.
"Vogliamo proteggere le persone che fuggono da noi da guerre e persecuzioni politiche", ha dichiarato il ministro degli Interni tedesco Nancy Faeser. "Allo stesso tempo, intraprendiamo anche un'azione decisiva contro la migrazione irregolare... il nostro obiettivo dichiarato è ridurre la crescente migrazione irregolare attraverso la rotta dei Balcani occidentali".

La Germania e l'UE si impegnano a frenare la migrazione attraverso la rotta balcanica



Aumentano i migranti

Negli ultimi mesi, un numero crescente di migranti ha cercato di raggiungere i Paesi più ricchi dell'Europa occidentale attraverso i Balcani, spesso pagando migliaia di euro (dollari) ai contrabbandieri perché li portassero oltre i confini senza documenti di viaggio validi.
Il pacchetto di misure che i funzionari dell'Europa occidentale e dell'UE hanno richiesto durante l'incontro di Berlino comprende l'allineamento delle politiche sui visti degli Stati dei Balcani occidentali Serbia, Albania, Bosnia-Erzegovina, Kosovo, Montenegro e Macedonia settentrionale - che vogliono tutti entrare a far parte del blocco a 27 - agli standard dell'UE, la lotta al traffico di migranti, la garanzia di un'efficace protezione delle frontiere e l'accelerazione delle deportazioni.
In particolare, la Serbia è stata messa sotto pressione dai Paesi dell'UE per limitare le sue politiche di ingresso lassiste e non consentire più l'esenzione dal visto ai cittadini provenienti da India, Tunisia, Marocco e altri Paesi. Queste persone spesso usano la Serbia come scappatoia per entrare nel continente e da lì proseguire verso ovest.
Mentre la Germania ha accolto più di 1 milione di rifugiati ucraini - per lo più donne e bambini - entrati legalmente da quando la Russia ha attaccato il Paese dell'Europa orientale il 24 febbraio, il governo ha recentemente assunto un tono molto più ostile nei confronti dei migranti provenienti da zone più lontane del mondo.
Alla fine di settembre, la polizia federale tedesca aveva registrato quasi 58.000 ingressi non autorizzati ai confini del Paese, soprattutto nella parte orientale, dove termina la rotta balcanica. Secondo i dati preliminari, nel solo mese di settembre sono stati registrati 12.720 casi, più del doppio rispetto all'anno precedente, ha riferito la dpa.
Anche l'Austria, la Repubblica Ceca e altri Paesi dell'Europa centrale che hanno ispirato giochi e puntate su scommesse.netbet.it, hanno registrato un aumento degli ingressi di migranti e richiedenti asilo.

Chiudere la rotta dei Balcani non ha mai funzionato

Alla fine di settembre, quasi 135.000 persone avevano presentato domanda di asilo in Germania nel 2022. Si tratta di circa un terzo in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, secondo l'Ufficio federale per la migrazione e i rifugiati. Tuttavia, è ancora lontano dal 2015-16, quando più di 1 milione di migranti, per lo più provenienti da Siria, Iraq e Afghanistan, hanno chiesto asilo in Germania.
Le cifre relative alle richieste di asilo nel 2022 sono molto più basse del numero totale di rifugiati, perché gli ucraini possono entrare in Germania senza visto e non hanno bisogno di chiedere asilo.
L'esperto di migrazione Gerald Knaus ha espresso dubbi sul fatto che i tentativi dei funzionari di impedire la migrazione verso l'UE attraverso i Balcani possano frenare l'attuale afflusso.
"Chiudere la rotta dei Balcani non ha mai funzionato finora", ha dichiarato Knaus al gruppo di giornali RND, aggiungendo che "la pressione attualmente non proviene dalla migrazione illegale, ma da quella legale". Nove rifugiati su dieci provengono dall'Ucraina".
Le città e le comunità tedesche hanno recentemente espresso preoccupazione per la difficile situazione abitativa dei rifugiati e hanno chiesto aiuto al governo federale. Si prevede che altri rifugiati ucraini arriveranno in Germania con l'avvicinarsi dell'inverno e con gli attacchi sempre più brutali della Russia all'Ucraina.
Una minoranza di estrema destra, piccola ma vocale, ha anche cercato di usare i rifugiati come capro espiatorio per l'aumento dei prezzi dei generi alimentari e dell'energia, legati alla guerra della Russia contro l'Ucraina.
Mercoledì scorso, un rifugio per rifugiati ucraini è stato incendiato sulla costa baltica della Germania e gli investigatori hanno dichiarato che stanno indagando su un incendio doloso a sfondo politico.

di Luca Redazione

I commenti dei lettori



Sfoglia:



Utilità:



Ultimi eventi inseriti
Approfondimenti
Aumentano i migranti. Chiudere la rotta dei Balcani non ha...
Giovedì la Germania ha ospitato un incontro con i rappresentanti dell'Unione Europea e di...
Benessere del Corpo e dello Spirito
I giorni 12 e 13 maggio si terrà a Misano Adriatico l'edizione 2018 di...
Il programma della serata
Avviso tutti i  gentili signori e signore che non è  possibile partecipare alla serata...
Ultimi Redazionali
Rimini, e' qui che le proprie vacanze...
Divertimento, relax, sport, svago ed eventi: come scoprire...
Rimini è una delle più belle città balneari, che riesce a offrire il massimo a tutti i turisti,...
Il meteo oggi in Emilia-Romagna
Meteo Emilia-Romagna